The House That Jack Built: il nuovo attesissimo film dell’eccentrico regista Lars von Trier

Forse perché i genitori erano libertini e nudisti convinti, o forse perché solo in punto di morte la madre gli ha confessato chi fosse il suo vero padre, o forse perché venera sé stesso talmente tanto da essersi dato un titolo nobiliare, fatto sta che il Lars Von Trier è decisamente uno dei registi più eccentrici, anticonformisti e controversi del cinema contemporaneo.

Voto di castità

Così è anche conosciuto il manifesto del collettivo Dogma 95, che Lars Von Trier pubblica a Copenaghen. L’obiettivo è quello di “purificare” il cinema dalla “cancrena” degli effetti speciali e dagli investimenti miliardari (e questo accadeva prima dell’ingresso del Cinecomics…): niente luci, nessuna scenografia, assenza di colonna sonora, rifiuto di ogni espediente al di fuori di quello della camera a mano.