La Casa di Carta: continua il successo della serie spagnola targata Netflix

La Casa di Carta: continua il successo della serie spagnola targata Netflix

Quanti di voi credevamo che la terza stagione della “Casa di Carta” non potesse mai essere ai livelli delle prime due? Beh, io ne ero convinta, e invece mi sono piacevolmente stupita! Sì, perché la terza stagione della serie spagnola prodotta da Netflix è riuscita ancora una volta a stupirci e lasciarci senza fiato!

Dopo la Zecca di Stato infatti il “Professore” ha puntato ancora più in alto, mirando direttamente all’oro del Banco de España, questa volta seguendo il piano del compianto “Berlino“.

Tutto per salvare “Rio“, catturato e torturato dalla polizia spagnola.

La squadra è sempre la stessa con l’aggiunta di 3 elementi, fra cui il controverso “Palermo“, e se Raquel ora “Lisbona” è passata dalla parte del professore, sulle tracce della banda c’è una nuova furbissima agente!

Per chi non ha ancora visto la terza stagione non anticipo di più; per chi l’ha già vista invece confermo che ce ne sarà una quarta, che probabilmente arriverà su Netflix nel 2020 e ripartirà esattamente da dove ci ha lasciato la terza.

Nel mentre gli attori, molti prima della serie quasi sconosciuti, oggi sono diventati dei veri idoli.

Fra quelli che già all’attivo avevano film o serie tv ci sono Álvaro Morte alias il “Professore“, che ha interpretato Dottor Don Lucas Moliner nel soap “Il segreto“, la bellissima Úrsula Corberó alias “Tokio“, Ruth Gómez Quintana nella serie per ragazzi “Fisica o chimica“, e Miguel Herrán alias “Rio“, che giovanissimo ha vinto il premio Goya nel 2016 come miglior attore rivelazione per la sua interpretazione nel film “A cambio de nada“.

Itziar ItuñoLisbona” invece ha partecipato alla pellicola “Loreak“, fra i cinque selezionati per rappresentare la Spagna agli Oscar 2014, il bravissimo Pedro AlonsoBerlino” l’avevamo già visto nella serie “L’ambasciata“, mentre la new entry Rodrigo de la SernaPalermo” ha recitato in varie serie tv e, nel 2004, ha vinto diversi premi per la miglior performance di debutto nel film “I diari della motocicletta“.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*