The Deep Blue Sea

The Deep Blue Sea

Between the devil and the deep blue sea“: un’espressione idiomatica inglese per indicare un dilemma irrisolvibile tra due possibilità comunque spiacevoli. Parte proprio da cui il film di Terence Davies, un regista sottovalutato e fors’anche dimenticato, che qui a bottega amiamo molto. Il profondo mare azzurro è ora disponibile in streaming, e ve ne riproponiamo la recensione originariamente pubblicata su FilmTv n° 50/2013.

A 11 anni da La casa della gioia e 3 dal documentario su Liverpool (l’autobiografico e storico – non è un paradosso – Of Time and the City), torna Terence Davies, maestro dimenticato della British Renaissance. E lo fa adattando un dramma di Terence Rattigan, storia della moglie di un giudice che lascia il focolare per bruciar di passione per un pilota della RAF nella Londra degli anni 50. La teatralizzazione della messa in scena, il gusto per la composizione vermeeriana, l’impeccabile recitazione degli attori sono accademismi da antica cartolina che sanno tremare in un trattenuto mélo: gli spazi e i tempi eccentrici organizzati dal montaggio, tra campi e controcampi fuori tempo, ellissi, madeleine e associazioni, descrivono un sentimento interiore, danno forma alle sincopi del cuore sotto l’eleganza di quello che, diretto da altri, sarebbe solo un altro dramma postbellico. La maniera di Davies, da sempre, fa i conti con la propria perfezione. Meravigliosamente.

Giulio Sangiorgio

Link utili:
Il profondo mare azzurro di Terence Davies in streaming
La filmografia di Terence Davies in streaming

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*