SMILF

SMILF

Se vi è piaciuta Fleabag, se della stessa autrice avete pensato di recuperare Crashing, se vi ha incuriosito Chewing Gum su netflix, in poche parole se siete in cerca di una serie con una protagonista femminile simpatica ma non esattamente realizzata nella vita, oggi vi proponiamo questa serie americana che non vi deluderà. La recensione di Alice Cucchetti è stata originariamente pubblicata su Film Tv n° 31/2018.

È ormai un sottogenere consolidato: la commedia amara, d’ispirazione autobiografica, creata, scritta, prodotta, interpretata e in parte diretta dalla star protagonista. In questo caso Frankie Shaw, fin qui soprattutto attrice (Mr. RobotGood Girls Revolt, ma anche tante produzioni cinematografiche iper-indie), che alla versione finzionale di se stessa, Bridgette (già presentata in un suo omonimo corto del 2015), fornisce l’origine bostoniana, il sogno di una carriera nel basket professionista e una maternità precoce. La S all’inizio nel titolo sta infatti per “single”, e anche se il resto dell’acronimo suggerisce un’attenzione per il sesso, ciò a cui la serie si dedica davvero è l’esplorazione di un contesto raro sul piccolo schermo, e cioè la povertà. Bridgette, giovane madre single di South Boston, vorrebbe sì tornare ad avere spensierate relazioni amorose come prima della gravidanza, ma anche trovare un lavoro, pagare l’affitto, fare la spesa, mantenere il piccolo Larry, realizzare qualcuno dei propri sogni, anche solo quello di un pomeriggio al cinema con un’amica. Non è facile, con un ex compagno sulla difficoltosa via della sobrietà, una madre bipolare (strepitosa Rosie O’Donnell), un ufficio di collocamento che non prevede il part-time, un passato traumatico segnato da un abuso sessuale e conseguente disturbo alimentare. L’avrete capito: SMILF si traveste da commedia, con il formato breve e un umorismo surreale, così che i pugni allo stomaco arrivino meglio, e senza preavviso. Meno compatta di progetti simili, come Better Things e Fleabag, ma piena di vitalità, personaggi memorabili e citazioni cinefile, ha incassato già due nomination ai Golden Globe e un rinnovo alla seconda stagione, dove non potrà che crescere.

Alice Cucchetti

Link utili:
SMILF in streaming

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*