What Richard Did

What Richard Did

Lenny Abrahamson (Dublino, 1966) ci piace per molti motivi. Prima di tutto viene dal cortometraggio: il suo 3 Joes nel 1991 vinse il Festival di Oberhausen, principale piazza dei corti insieme a Clermont-Ferrand, e pure l’European Film Award. Ma è l’esordio nel lungo a far parlare subito di sé. Nel 2004 esce infatti Adam & Paul, commedia minimale, decisamente riuscita, su due giovani tossici a ramingo nella città di James Joyce, per motivi certamente diversi rispetto a quelli che spingevano Leopold Bloom nell’Ulisse… In Italia è però il film successivo Garage (2007), sempre scritto da Mark O’Halloran, ad avere una certa risonanza. Vince infatti il primo Torino Film Festival diretto da Nanni Moretti, e scrolla dalle spalle del cinema irlandese l’idea diffusa di una certa mancanza di vitalità, o del rischio che sia solo una “piattaforma” per coproduzioni con la Gran Bretagna. In un villaggio del midwest irlandese il sempliciotto gestore di una pompa di benzina finisce al centro di uno scandalo che rischia di rovinargli per sempre la vita. Anche in Garagelo sguardo di Abrahamson sull’Irlanda è tutt’altro che “turistico”, ma l’ironia e la mancanza di enfasi sono forti componenti del suo stile. Il suo film che oggi è recuperabile in streaming è What Richard Did: qui ne trovate la recensione pubblicata in origine su FilmTv n° 43/2013.

Richard (Jack Reynor, star emergente e protagonista di Transformers 4 – L’era dell’estinzione) è un ragazzo dell’alta borghesia di Dublino. Bello, aitante, leader della squadra di rugby, un buon rapporto con i genitori e in particolare con il padre, di origine scandinava (Lars Mikkelsen, fratello di Mads). Si innamora di Lara (Róisín Murphy) ma sembra più coinvolto dalle serate al pub con gli amici, senza esagerate trasgressioni. Una sera, a una festa, geloso più per posa che per passione, viene coinvolto in un pestaggio al buio e accade l’irreparabile. L’elaborazione della tragedia (che non vi sveliamo) occupa tutta la seconda parte del film. A sorprendere è il confronto, del ragazzo prima e di suo padre poi, con il senso di colpa gigantesco e il senso di responsabilità. Non vi diciamo altro: What Richard Did non è un film di grandi eventi (a parte la tragedia) ma di sentimenti raccontati senza toni da melodramma, sebbene lo sguardo gelido del regista Lenny Abrahamson, che lavora su una sceneggiatura intelligente di Malcolm Campbell, risulti ancora più implacabile moralmente. «Cosa ha combinato Richard», recita il titolo: senza punto di domanda. Perché lo spettatore sa, non ha bisogno di chiedersi niente, si aspetta le conseguenze di un gesto terribile, potrebbe giudicare ma allo stesso tempo è inchiodato all’empatia nei confronti del protagonista, che nonostante tutto appare come il classico “bravo ragazzo”. Sarebbe stato troppo facile altrimenti. What Richard Did, presentato fuori concorso al Torino Film Festival 2012, conferma la bravura di un regista e la vivacità del cinema irlandese, che senza avere mezzi esagerati, e nel bel mezzo di una crisi economica devastante, riesce comunque a essere prolifico e intrigante.

Mauro Gervasini

Link utili:
What Richard Did di Lenny Abrahamson in streaming
La filmografia di Lenny Abrahamson in streaming

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*