L’ora più buia

L’ora più buia

Con un occhio all’esattezza documentaria e l’altro alla tensione da intrattenimento, Kathryn Bigelow continua nel solco della cineriflessione sullo stato delle cose americane post 11 settembre iniziata nel 2010 con The Hurt Locker. Arriva in streaming Zero Dark Thirty: ve lo presentiamo con un articolo di Emanuela Martini, pubblicato in origine su FilmTv n° 11/2015.

Dieci anni: dall’11 settembre 2001 al 2 maggio 2011, il tempo trascorso tra l’attacco alle Torri gemelle e l’uccisione di Osama bin Laden da parte di una squadra speciale dei Navy Seals. Dieci anni di indagini, interrogatori (spesso, cioè, torture), appostamenti, false piste, altri attentati sanguinosi, come quello alla stazione Atocha di Madrid (2004), a un autobus nel centro di Londra (2005), al Marriott Hotel di Islamabad (2008), alla stessa base Chapman della CIA in Afghanistan (2009). Nel 2012 Kathryn Bigelow affronta con coraggio un’impresa difficilissima: raccontare la storia recente, descrivere il trauma che ha aperto il nuovo millennio, affrontare il pasticcio culturale, geografico, ideale nel quale oggi siamo più che mai immersi. Quello che l’autrice ci racconta non è una vittoria, non è la fine di una caccia all’uomo: è solo un inizio, l’inizio di un mondo nuovo e irriconoscibile, come si riflette nelle pulsioni contrastanti e nello sguardo di Maya (Jessica Chastain), protagonista ostinata e assoluta (che la narrazione non molla mai) e specchio di tutti i dubbi morali e le certezze culturali che, dall’11 settembre, non hanno smesso di tormentarci. Maya è Kathryn Bigelow, è l’America (di Bush e Obama), è il mondo occidentale di fronte a una sfida per la quale non è equipaggiato. I codici di giustizia, l’umanità, persino la razionalità laica cozzano contro un furore ideale che non conosce sfumature, un arcaismo che non sappiamo interpretare, un sistema di valori che non possiamo condividere, una serie pressoché infinita, “storica”, di errori commessi. Non sappiamo più che pesci prendere. Maya anche meno: perché è una donna. Zero Dark Thirty (termine militare che significa più o meno “dopo mezzanotte e mezzo”, le ore più buie della notte) è uno straordinario film femminile sulla guerra e sul presente, dove la parola chiave è proprio “femminile”. Accompagnato da polemiche pretestuose (sulla faccenda Afghanistan e sulla tortura, che la Bigelow mostra con durezza e pietà, senza compiacimenti), sostenuto dalla sceneggiatura perfetta di Mark Boal, che prende spunto da dati reali e non si sposta mai dall’obiettivo principale, non si concede mai (né concede alla protagonista) deviazioni romanzate, il film ha il nerbo, l’onestà e il coraggio dei grandi film di guerra (che comunque un punto di vista, una soggettiva, una “parte” dalla quale stare devono averla) e il puntiglio nervoso di un reportage, di un file segreto, di una sventagliata di news. Dai primi minuti di buio nei quali echeggiano le voci e le telefonate (vere) che s’intrecciarono quell’11 settembre, alla lunga sequenza finale dell’incursione nel fortino di Abbottabad e dell’uccisione di Bin Laden, i 157 minuti di Zero Dark Thirty scorrono con velocità secca e disadorna, con scene per lo più brevi, stacchi e cambi di location frequenti, date e luoghi a scandire il passaggio del tempo e il procedere o lo stallo delle ricerche. E Maya è sempre là, all’inizio una figura nera e incappucciata che assiste, appena arrivata in Pakistan, a un interrogatorio, poi a viso scoperto, decisa ad affrontare apertamente, con i propri sfacciati capelli rossi, qualsiasi scelta orribile le si pari davanti, ostinata sulla pista che condurrà alla preda maggiore. Sempre più provata, e isolata, lontana dalla logica maschile, spesso dolorante, tesse e delinea un percorso nell’angoscia morale. Alla fine del quale c’è ancora il nero di un suo sguardo interrogativo, il buio di un aereo che la riporta a casa. Sola.

Emanuela Martini

Link utili:
Zero Dark Thirty in streaming
La filmografia di Kathryn Bigelow disponibile in streaming

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*