“Ready Player One”: il nuovo film di Spielberg tratto dall’omonimo romanzo di Ernest Cline

“Ready Player One”: il nuovo film di Spielberg tratto dall’omonimo romanzo di Ernest Cline

Se uniamo la realtà virtuale, ai videogame anni ’80 e a Steven Spielberg cosa abbiamo? “Ready Player One“: il nuovo film del famoso regista statunitense basato sull’omonimo romanzo di Ernest Cline.

La passione per i videogame viene da Cline, scrittore nerd anni ’80, sapevate che possiede addirittura una vera DeLorean?, che unisce la passione per avventure in stile Pac-Man alle sue doti di scrittore.

La trasposizione sul grande schermo è invece merito di Spielberg, spesso citato nei romanzi di Cline, che al cinema ci proietterà nella società distopica del 2045 in mondo sull’orlo del caos.

La realtà virtuale è quella di OASIS: una dimensione ispirata agli anni ’80 e creata dall’eccentrico miliardario James Halliday, alias Mark Rylance, per sfuggire alla tremenda realtà. Quando Halliday muore la sua enorme fortuna andrà in eredità a chi riuscirà a scovare un Easter Egg, cioè un contenuto nascosto, all’interno di OASIS.

Attraverso l’avatar Parzival il giovane Wade, alias Tye Sheridan, grande fan di Halliday, cercherà di vincere la sfida gareggiando contro concorrenti senza scrupoli!

Il tema della realtà virtuale sicuramente a Hollywood non è nuovo, prima dell’ultima opera di Spielberg infatti si sono succedute diverse pellicole che narravano di mondi immaginari costruiti nella rete.

Fra i più celebri ricorderete sicuramente il pluripremiato “Avatar“, di James Cameron, o ancora la trilogia di “Matrix“, scritto e diretto da Lilly e Lana Wachowski col bravissimo Keanu Reeves.

Non da meno sono anche “eXistenZ“, scritto e diretto da David Cronenberg, dove i giocatori di un videogame entrano a farne parte, “Inception“, di Christopher Nolan con Leonardo di Caprio, dove è il sogno la realtà alternativa, e “Brainstorm –  Generazione elettronica” di Douglas Trumbull.

In Italia un esempio di film basato sulla realtà virtuale è “Nirvana“, di Gabriele Salvatores, che resta ancora oggi uno dei pochi film del nostro paese di ambientazione fantascientifica e cyberpunk.

Ma tornando a “Ready Player One“, che tra l’altro è pieno di citazioni anni ’80 tratte da “Ritorno al Futuro“, “Chi ha incastrato Roger Rabbit” e manga giapponesi, la pellicola uscire nelle sale il 29 marzo, eccovi il trailer!

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*