Come “Black Mirror” nessuno mai? Allora non avete letto Philip K. Dick…

Come “Black Mirror” nessuno mai? Allora non avete letto Philip K. Dick…

Pensavate che come “Black Mirror” non esistesse niente? Beh, anche io lo pensavo, e fra una serie e l’altra passavo giornate di malinconia 2.0, spulciando la rete alla ricerca di qualcosa di similmente futurista, fantascientifico e socialmente critico, sicura purtroppo che come “Black Mirror” c’è solo “Black Mirror“.

Ma non sapevo che probabilmente il mio stesso malessere lo stava vivendo anche Channel 4 da quando si era fatto soffiare Black Mirror, e il suo geniale autore Charlie Brooker, da Netflix.

E così proprio per coprire la mancanza della serie antologica più intelligente ed inquietantemente realista del piccolo schermo, Channel 4 ha deciso di trasmettere “Philip K. Dick’s Electric Dreams“: altra serie antologica a sfondo fantascientifico assolutamente da non perdere.

Ok… non è “Black Mirror“, ma sicuramente i fanatici del genere non potranno non amare anche questa serie.

Innanzitutto perché tratta dai racconti dell’autore fantascientifico, cyberpunk e postmoderno Philip K. Dick, alle cui opere si sono ispirati anche capolavori come “Blade Runner“, che riprende il romanzo “Il cacciatore di androidi”, “Minority Report” e “Atto di forza“, o ancora i film “Screamers – urla dallo spazio“, “Impostor” e “Paycheck“, tratto dal racconto “Previdenza”, e la serie tv “The Man in the High Castle“, che utilizza il tema di “La svastica sul sole”.

In secondo luogo perché “Philip K. Dick’s Electric Dreams” annovera un cast d’eccezione a partire dal bravissimo produttore e protagonista di un episodio Bryan Cranston (Breaking Bad), seguito da Ronald Moore (“Battlestar Galactica“, “Outlander“), Richard Madden (“Game of Thrones“), Timothy Spall (“Harry Potter“), Anna Paquin (“True Blood“), e ancora Steve Buscemi (“Boardwalk Empire“, “Il grande Lebowski“).

Per ora potete godervi i primi 6 episodi, i restanti 4 sono programmati per il 2018, che ci proiettano in mondi distopici, viaggi spaziali, una città che non dovrebbe esistere, viaggi nel tempo, persone sintetiche e chi più ne ha più ne metta!

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*